Cerca
domenica 16 dicembre 2018 ..:: Parrocchia » Storia ::.. Registrazione  Login
 Cenni storici Riduci

Introduzione

I Padri Domenicani sono presenti nella città di Torino fin dal 1257 nel grandioso complesso conventuale e nella vicina chiesa di San Domenico, in via Milano angolo via San Domenico.  Solo una piccola parte di questo edificio era a disposizione dei frati, per cui nel 1927 viene presa la decisione di fondare un nuova sede alla periferia di Torino, di cui si prevedeva una rapida espansione: nasce così il grandioso progetto delle opere di Santa Maria delle Rose, da erigersi in zona Mirafiori sul fianco di Corso Stupinigi.
Il convento nel 1930Tale progetto prevedeva un Convento destinato a centro studi filosofici e teologici per i giovani religiosi, ed una Chiesa.
L’esecuzione di tale progetto è legata al nome e alla tenacia di due religiosi: P.Ignazio Cane, superiore provinciale e P.Reginaldo Giuliani a cui si deve la scelta del titolo Santa Maria delle Rose, suggerita dalla testimonianza di fede di alcuni soldati della guerra ’15-’18, che regalarono al loro cappellano, P.Giuliani, un quadretto della Madonna col Bimbo, in una cornice di Rose, davanti al quale si ritrovavano a pregare.
 
1930-1940
Nel 1930 il Convento e la prima parte della chiesa inferiore sono ultimati, le uniche costruzioni importanti che sorgono intorno ad essi sono l’Istituto della Vecchiaia, al di là del corso Stupinigi ed alcune aziende agricole. Le case popolari di via Montevideo sono in fase di ultimazione ed oltre a poche abitazioni il paesaggio circostante è di lunghe file alte di pioppi che separano campi e prati.
Il tramvai arriva solo fino a Corso Sebastopoli.
Nonostante l’ubicazione per alcuni “scomoda e isolata”, la Comunità religiosa Madonna delle Rose, diventa presto punto di riferimento di tanti credenti.

1940-1945
Dopo il primo bombardamento su Torino, giugno ’40, i religiosi sfollano nel Convento di Chieri ed in seguito il Convento Santa Maria delle Rose viene adibito ad ospedale militare.         
Una piccola comunità di Padri rimane comunque presente, continuando a prodigarsi per mantenere viva la speranza e per assistere i malati.

Ingresso alla chiesa inferiore nel 19461946-1956
Nel 1946, finita la guerra, il Convento ricomincia ad ospitare giovani frati che si applicavano allo studio. Intorno ad esso le gru metalliche spuntano qua e là ed in poco tempo fu un cantiere solo, rumoroso ed attivo.
Ci fu la prima immigrazione dall’astigiano, dall’alessandrino, dalle zone di Cuneo e dalla Liguria. La Fiat Mirafiori attirava ormai tutti offrendo lavoro e benessere il verde si assottigliava per lasciare spazio alle case. Il quartiere diventava sempre più ricco di persone che cercavano la parrocchia con un pizzico di nostalgia di quella che avevano lasciato.  

1957-1963
Inaugurazione della parrocchia nel 1957, con p. CalcaterraNel 1956 il card.Fossati fece la proposta ai frati Domenicani di accettare la parrocchia, tra i professori del convento venne scelto P.Calcaterra come parroco ed il 1° gennaio 1957 iniziò la sua vita la Parrocchia di Santa Maria delle Rose.
La zona si era popolata di giovani famiglie, l’oratorio straripava di bambini e ragazzi, si celebravano molti battesimi e matrimoni, le messe domenicali erano sempre molto affollate e la cappella, se pur tanto grande, non era più sufficiente.
La chiesa superiore nel 1963Bisognava costruire una nuova chiesa! E questo grazie all’entusiasmo della gente, ai loro sacrifici ed alle loro grandi rinunce è stato possibile. La realizzazione del sogno di molti è durata tre anni, dal 1961 al 1963.
Il 12 ottobre 1963 ci fu la Consacrazione della nuova chiesa, quella stessa grande chiesa che ancora oggi è pronta ad accogliere tutta la comunità.       

I parroci che si sono succeduti alla guida della parrocchia dopo p. Calcaterra, sono:

  • p. Nicola Zunino
  • p. Leonardo Penone
  • p. Giovanni Allocco
  • p. Mario Mazzoleni.

 Stampa   
Creative Common   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation